Primavera: Il Fegato e La Cistifellea


Nella medicina orientale l’albero è l’elemento dei mesi primaverili (questo è l’elemento legato alla crescita svelta della Natura a primavera)


La primavera è il periodo dell’anno quando aumenta l’energia


IL FEGATO E LA CISTIFELLEA sono gli organi più attivi in questo periodo


La primavera è la stagione in cui questi organi sono più attivi e sono associati con le funzioni di stoccaggio e distribuzione dell’ energia vitale.


COLORE: verde e giallo
GUSTO: amaro
LIQUIDI: Le lacrime
PARTI: Le articolazioni della spalla destra e scapola
ORGANI: gli occhi e la vista
VOCE: gridare, tono tagliente
ODORE: rancido
SISTEMA: nervoso
TESSUTO: I muscoli, I legamenti I tendini, Le dita dei piedi e unnghie
SAPORE: amaro
GRANO: Il frumento, l’avena, l’orzo
FAGIOLI: Le lenticchie, i piselli freschi
ORTAGGI: I germogli, l’insalata a foglia, i peperoni verdi, la zucca, I broccoli
FRUTTA: La crostata di frutta
CIBO ANIMALE: Il pollo
CATEGORIA DI ALIMENTI: I grassi

MOODS: emotivo

  • POSITIVO: paziente, pianificazione, sopportando
  • NEGATIVO: l’impazienza, la rabbia, la frustrazione

Il fegato e la cistifellea sono associati con lo Chakra del plesso solare.


FEGATO


Il fegato è il più grande organo del nostro corpo; si trova appena sotto il diaframma sul lato destro del torso sopra l’addome.

Il fegato è Yang nella struttura ma la sua funzione è Yin.

Questo è uno degli organi essenziali del corpo, governa le funzioni digestive, circolatorie, ed escretorie. Il fegato converte i carboidrati, i grassi e le proteine l’uno nell’altro, e produce ormoni ed enzimi.

Il fegato trasforma il grasso, conserva e distribuisce l’energia vitale. Analizza anche e disintossica il corpo filtrando il sangue, conserva le sostanze nutrienti e mantiene il corpo forte per combattere le malattie. Esso è l’organo più sensibile alla stagnazione, e aiuta a mantenere l’armonia e il movimento in tutto il corpo.

La condizione del fegato può essere osservata dallo spessore, colore, consistenza e resistenza delle unghie, degli gli occhi e della visione.

Il meridiano del fegato inizia l’alluce e viaggia verso l’alto sul lato interno della gamba poi entra nell’interno del corpo e termina negli occhi.

  • Quindi il fegato è legato alla salute degli occhi, alla visione e ai loro disturbi.
  • I fegato sopravvede alla condizione dei tendini, il tendine di Achille e i nervi.
  • Il Fegato immagazzina le vitamine A, B, D, E e K in modo che il corpo può andare per lunghi periodi di tempo senza mostrare segni di carenza.
  • Il fegato controlla la secrezione della bile e regola il sangue.
  • Il fegato aiuta ad armonizzare le emozioni.

Squilibri del fegato

Gli squilibri di questo organo sono evidenziati dai seguenti sintomi:

  • Perdita di vitalità: accadono momenti di vitalità e di motivazione, seguita da estrema fatica.
  • Temperamento brutto — elevata sensibilità emotiva, tendenza ad alzare la propria voce.

Gli occhi perdono la loro vitalità e brillianza

  • La Corpo ha un odore rancido
  • Declinio di prestazioni sessuali
  • Problemi e infiammazioni degli organi sessuali
  • Hemorroidi, Nausea, vertigini e mal di testa
  • Pressione sul lato destro del corpo sotto la gabbia toracica
  • Una varietà di forti emozioni e comportamenti anomali

Malattie del fegato

  • Cirrosi:
    Danno cronaco dovuto al consumo di troppo alcol. Il fegato entra nella progressiva distruzione estesa delle cellule così che la rigenerazione è impossibile. Il fegato diventa più piccolo e duro, e la milza si ingrandisce. La persona perde appetito e soffre di stanchezza. La Cirrosi può anche causare un accumulo di liquido nello strato protettivo intorno l’intestino.
  • Ittero:
    La bile diventa eccessiva e conferisce all’intero corpo un colore giallastro, anche al bianco degli occhi. Questa condizione può derivare dalla ostruzione delle vie biliari o un problema di globuli rossi.
  • Epatite:
    Epatite è un’infiammazione del fegato, più spesso causata da un virus che distrugge macchie di tessuto epatico. Alcol e droghe possono essere la causa di questo disturbo.

Gli effetti del cibo sul fegato:

Per curare i problemi al fegato abbiamo bisogno di essere molto disciplinati; è meglio mantenere l’olio e l’assunzione dei grassi al minimo.

I cibi fermentati sono utili; mangiare cibo amaro fa bene per la salute del fegato, soprattutto durante la primavera.

Crauti, Ravanelli, daikon, prugne fermentate (umeboshi) e il succo di limone, i cibi fermentati naturalmente hanno un effetto dispersivo sull’energia fegato che è troppo contratta.

Foglie di cicoria, tarassaco (taraxacum officinali) sono i migliori vegetali a foglie. Le lunghe e piatte foglia correggono i disturbi del fegato e della cistifellea. Queste piante hanno poteri medicinali, sono utili per contrastare iperacidità e aiutano a normalizzare l’alcalinità del corpo. Queste verdure sono ricche di potassio, calcio e sodio, ed è il nostro cibo più ricco di magnesio e ferro.

Mescolare le foglie di cicoria in insalata, o cuocerle come contorno a un pasto.

All’inizio della primavera, cogliere 6-7 fiori di denti di leone con il gambo, lavateli e mangiatene solo i gambi per 2 settimane ogni giorno. Porta sollievo per l’infiammazione cronica del fegato. Per coloro i quali sono sempre stanchi e senza energia, gli steli dei fiori dei denti di leone sono una meraviglia di sollievo. Questo migliora anche i succhi gastrici dello stomaco e aiuta a pulire il materiale di scarto accumulati nel nostro tratto digestivo.

Cibarsi di cicoria dà sollievo ai calcoli biliari, perché aiuta a rimuoverli, porta anche sollievo ai disturbi di gotta, ittero e milza.

L’indivia è strettamente legata alla pianta del Tarassaco, ed i suoi costituenti chimici sono più o meno simili. Indivia, tuttavia, è una lattuga riccia tipo ortaggio a foglia riccia come sapore assomiglia alla cicoria, ma ha elementi necessari per il nervo ottico e aiuta a correggere difetti degli occhi e della visione.

La Zuppa di miso ha un effetto purificante e disintossicante per il fegato. Il miso d’orzo fermentato per due anni è un miso scuro ed è molto medicinale.

Vongole crostacei e ostriche sono anche benefiche.

Quando l’energia del fegato scorre senza ostruzioni è segno di una persona felice; Le persone con un fegato sano hanno più la pazienza, e sono più lenti all’ira.

Per avere un fegato sano bisogna mangiare di meno e alzarsi dal tavolo un poco leggeri.

Se l’energia del fegato è troppo compattta è perché il fegato ha immagazzinato troppi grassi a causa di un eccesso di cibo e un’assenza di digiuno.

Il digiuno per 4 o 5 giorni aiuta a pulire il fegato dal cibo grasso e pesante mangiato durante il periodo invernale. Il digiuno in primavera è una pratica consigliata in tutti gli antichi libri religiosi, perché ha un effetto di pulizia sul corpo e sulla mente.

Ogni corpo ha bisogno di olio, ma la giusta quantità di olio è molto individuale.

Se una persona ha costantemente bisogno di mangiare spuntini, può darsi che ha troppo poco olio nella sua dieta.

Una persona con la pelle secca ha bisogno di ridurre l’assunzione di olio e grassi, o cambiare a un altro tipo di olio come l’olio d’oliva, olio di semi di sesamo appure olio di noce di cocco.

Problemi al fegato sono spesso formati da una contrazione eccessiva, quindi è meglio astenersi, o ridurra molto il mangiare alimenti di origine animale, perché questo cibo è ricco di proteine e grassi.

Usare Daikon (radice della stessa famiglia dei ravanelli, se non si trova il daikon potete usare questi) grattugiato, ha un sapore forte ed fà bene per sciogliere il grasso accumulato nel fegato e attorno agli organi interni. Per avere un sapore meno pungente, più delicato, mischiare il daikon grattugiato con della carota grattugiata .

Un tè fatto con un fungo Shitake secco poi ammollato è molto vantaggioso per la tensione del fegato .

– Bere quotidianamente una bicchiere (non troppo grande) di succo di carota, sedano, indivia e un pò di succo di prezzemolo è molto salutare per le disfunzioni del fegato e della cistifellea ed è anche molto salutare per la milza.


CISTIFELLEA


La cistifellea è Yin di struttura ma è Yang nella sua funzione.

Il meridiano della cistifellea è il più lungo del nostro corpo, inizia dalla faccia, viaggia alla sommità della testa, intorno all’orecchio sul lato del cranio, scende giù intorno alla scapola e alla spalla, continua in basso all’interno del tronco, poi per l’esterno del corpo e le gambe per finire sul dito accanto al mignolo.

La cistifellea è un piccolo organo muscoloso che immagazzina la bile, questo è il liquido giallo prodotto dal fegato, e controlla la distribuzione dei nutrienti in tutto il corpo. Questo è l’organo collegato al nostro processo di prendere decisioni.

Avere la cistifellea estirpata (con una operazione) ha effetto sul prendere decisioni, questo tipo di persona può diventare eccessivamente preoccupato per piccoli dettagli e perdere il quadro generale delle cose.

Senza la cistifellea nel corpo si compromette il metabolismo dei grassi, il fegato non ha uno posto dove riporre i liquidi in eccesso, la bile che produce e quindi esso deve lavorare molto di più per mantenere uno stato di salute del corpo.

Disturbi della colecisti

  • Malattie degli occhi, il glaucoma e la cecità notturna.
  • Torcicollo
  • Un ronzio nelle orecchie
  • Inflammatione della colecisti
  • Giramenti di testa
  • Attacchi epilettici

Disturbi alla cistifellea hanno effetto anche sul pancreas; i due organi hanno i loro condotti molto vicino l’uno all’altro.

La cistifellea influenza anche le condizioni della milza.

I disturbi e gli eccessi della colecisti invadono la milza, il fegato e lo stomaco. I risultati sono: mal di testa alla base cranio e/oppure dolori alla caviglia.

Il problema più comune della cistifellea soni i calcoli biliari e blocchi lungo il meridiano della cistifellea.

Calcoli biliari possono ostacolare il flusso della bile dalla cistifellea provocando dolore o infiammazione. I calcoli biliari possono anche rimanere bloccati nel dotto biliare e poossono causare ittero, bloccando il normale flusso della bile nell’intestino.

Le pietre possono essere soffici o dure, liscie o ruvide, piccole come granelli di sabbia, o grandi come palline da ping-pong. I blocchi potrebbero portare a infiammazioni, infezioni e danni della cistifellea, del fegato, del pancreas e dell’intestino tenue.

Il cibo è buono o non per la cistifellea

  • Mangiare cereali integrali, i cereali interi non raffinati nutrono la cistifellea.
  • Mangiare coltivati biologicamente, perché pesticidi e fertilizzanti chimici irritano la cistifellea.
  • Evitare di mangiare zucchero raffinao e in polvere
  • Ridurre al minimo il consumo di grassi, e ridurre l’olio.
  • Evitare o minimizzare alimenti di origine animale.
  • Verdure a foglia verde aiutano a liberare la stagnazione di questo organo.
  • Moderatre il consumo del sale.
  • Piccole quantità di malto d’orzo rilassano la cistifellea che è troppo contratta.
  • Evitare mangiare a tarda notte.

Chicoria

Come preparare:

ChicoryLe foglie verdi di cicoria che tutti i giardinieri chiamano erbacce che crescono nei prati, fanno estremamente bene alla salute del fegato e della cistifellea.
Possiamo aggiungerli alle insalate miste o bollirle e e anche soffriggerle .

Ecco come cucinare i denti di leone.

Lavare e pulire un mazzetto o due di denti di leone

Portare all’ebollizione un litro di acqua filtrata

Mettere la verdura in acqua bollente

Far bollire per 5 a 10 minuti, fino a quando si incominciano ad intenerire.
Tirare fuori dall’acqua con una schiumarola la cicoria e immergerla subito in una ciotola con abbondante acqua fredda per coprire.

Prendete un po ‘di foglie con le mani, fare una palla e spremere con entrambe le mani per rimuovere l’acqua in eccesso e un pò dell’amarezza.

Mettete su un tagliere e tagluzzarla.

La verdura si può mangiare così com’è aggiungendo succo di limone e sale marino e un filo d’olio.

dandelion greensOppure si può soffriggere olio d’oliva e aglio fino a che l’aglio non è di colore dorato, quindi aggiungere le verdure tagliuzzate e cuocere per 5 a 10 minuti o più, aggiungendo acqua se necessario. Verso la fine della cottura, aggiungere la salsa di soia o sale marino. Continuare a cuocere per un minuto e servire.

 

Funghi shiitake

Sheetake (Medium)Usiamo funghi shiitake in molti piatti diversi:

Noi li aggiungiamo al brodo, ai piatti di verdure, agli stufati etc.

Usiamo Shiitake per farne un tè che ci aiuta a ridurre la febbre o a sciogliere il grasso animale e per rilassare il corpo.

Ecco la ricetta del tè di shiitake:

Ingredienti

  • 1 fungo shiitake di media grandezza, ammollato per 10 minuti e tagliato in pezzetti
  • 1 tazza di acqua filtrata
  • qualche goccia di salsa di soia tamari

Preparazione

Metterel’acqua e il fungo tagliato in un pentolino, portarlo all’ bollollizione, abbassare la fiamma e far cuocere 4-5 minuti. Aggiungi shoyu. Bere caldo.